domenica 14 febbraio 2010

Le più belle di sempre : The Passenger-Iggy Pop(1977)


A metà degli anni '70 Iggy Pop,reduce dall'esperienza con gli Stooges,di buon spessore artistico ma non tanto proficua a livello commerciale,è un uomo distrutto da droghe,eccessi e dal suo stesso ego. Con l'aiuto dell'amico David Bowie si risolleva e dopo l'ottimo The Idiot del 1977,nello stesso anno pubblica il suo disco più famoso,Lust for life,che contiene alcuni pezzi divenuti col tempo veri e propri standard del suo proto-punk.Il più conosciuto di questi è sicuramente The Passenger,ritmo incalzante quasi reggae,che sarebbe stato ripreso in centinaia di salse e la voce scura e vissuta dell'ancor giovane Iggy.Matita seppia su carta sottile.

7 commenti:

  1. Adoro Iggy Pop..mi è simpatico e ..like usual..mi piace la sua voce .

    Buona giornata, Andrea,ciao e.. un sorriso

    p.s.: not bad at all il ritratto ,complimenti !

    RispondiElimina
  2. Grazie Alessandra,immaginavo ti piacesse...un sorriso anche a te!

    RispondiElimina
  3. Il ritratto che hai fatto parla molto meglio delle parole!

    RispondiElimina
  4. Grazie Veronica,purtroppo mi accorgo che il ritratto,già di per sè uno schizzo da cinque minuti,in foto non rende proprio...

    RispondiElimina
  5. ho fatto un periodo di full immersion con tutti gli album di iggy e pure quelli degli stooges caricati sul lettore mp3, e ci sono troppi suoi pezzi che adoro. dovessi scegliere solo una canzone, andrei su "lust for life". tutta colpa di trainspotting, mi sa..
    e poi "innocent world", grandiosa!

    RispondiElimina
  6. A me piace soprattutto il periodo Stooges,il chitarrista è un vero selvaggio!

    RispondiElimina