venerdì 5 febbraio 2010

Le donne del rock : Patti Smith


Patti Smith è stata una delle donne più importanti e influenti della storia del rock.Dopo aver esordito come scrittrice di testi per altre band (Blue Oyster Cult) e poetessa,fa il suo ingresso nel mondo musicale con dei reading,dove,accompagnata dal fedele chitarrista Lanny Kaye declama i suoi versi.Famosa per la sua voce a tratti rabbiosa e per il suo sguardo allucinato,Patti non ha avuto una vita facile;ragazza madre quand'era giovanissima e poi vedova prematuramente,la Smith reca addosso i segni di un'esistenza spesso al limite.I suoi primi tre dischi sono unanimemente ritenuti capolavori,infatti Horses,Radio Ethiopia e Easter sono perfetti congegni tra il rock'n'roll più viscerale e il nascente punk,e gettano le basi della new wave che imperverserà nel decennio successivo.Dopo un altro buon album,Wave,Patti si ritira dalle scene per farvi ritorno solo dopo dieci anni,ma da allora fatica a tornare ai suoi livelli in studio,mentre continua nei live a proporre spettacoli ricchi di pathos ed energia.I due pezzi che ho scelto sono tratti da Easter e sono l'imprescindibile Because the night,croce e delizia della musicista,scritta assieme a Springsteen,e Rock'n'roll nigger,vero concentrato di rock delle origini e furia punk.

4 commenti:

  1. Forse la sua canzone che amo di più in assoluto è Pissing in a river. Quel giro di piano e quando parte l'assolo di chitarra... sono brividi.

    RispondiElimina
  2. Sì,effettivamente un gran pezzo anche questo...l'ho vista in concerto 3-4 anni fa,live fa ancora un figurone!

    RispondiElimina
  3. Io vidi il suo primo concerto in Italia, a Bologna nel 1979. Oltre ad essere giovanissimo, dovevo essere anche in trance perchè ricordo pochissimo. In realtà ne è passato di tempo, mannaggia.

    RispondiElimina
  4. per me: People Have The Power, nell'album "Dream Of Life" del 1988.

    RispondiElimina