lunedì 25 maggio 2015

Skeleton In The Closet




È da un po’ di tempo che una splendida idea ha preso a ronzarmi per il capo, manco fossi un Cesare Ragazzi d’altri tempi: riaprire il blog in pianta stabile. Bella idea del cazzo, obietterà qualcuno, nulla da eccepire, replico io; si tratta infatti di una brillante trovata concepita nel vorticare di una vita sempre più incasinata, indotta da deliri ormonali e alcolici di un’anima che rinasce quando ormai tutto sembrava perduto e di un cervello affollato da lemmings in furiosa corsa verso l’abisso. Eppure vorrei prendere l’impegno di tornare a posteggiare ogni tanto, senza regolarità alcuna, più con l’approccio della creatività che con quello di un impiegato del catasto. Mi rendo conto che dopo tante false ripartenze, e magari questa sarà l’ennesima, la mia credibilità se la gioca col politico di turno che promette di abbassare le tasse, ma confido molto nella fedeltà di voi seguaci appassionati, sparsi nonché sparuti e, a volte, spariti per il mondo. Già vi immagino alla stregua di una setta talmente segreta da risultare ignota perfino a essa stessa, che gli Illuminati e Adam Kadmon ci fanno un baffo.
Bene, mi rendo conto che se qualcuno fosse sopravvissuto a queste prime, deliranti, righe, si starà sicuramente chiedendo di cosa intendo parlare in questo post di rientro. L’idea, intanto, è quella di una nuova rubrica, quella degli scheletri nell’armadio, o “Skeleton In The Closet” come recita pomposamente il titolo, ché a noi piace tanto stigmatizzare l’ammerica, ma poi non si resiste a un bel titolo strillato à la cazzo nell’idioma d’Albione. Che la coerenza può essere il peggiore dei vizi, come vado ripetendo da anni dando la stura a dibattiti sulla riapertura dei manicomi.
L’idea di fare pubblica e metaforica pulizia dei miei armadi dalle ossa che si vanno ammonticchiando da tempo immemore, l’ho partorita, come tutte le idee geniali, da riflessioni piuttosto banali. A chi non sarà capitata la tipica situazione quando, nel bel mezzo di una conversazione, per banale distrazione o in rilassato sovrappensiero, si butta là un’osservazione capace di dare consistenza quasi cacofonica allo schianto d’ossa dello scheletro preistorico d’un plesiosauro che vien fuori senza preavviso dal vostro armadio mentale?
Esempio: può capitare, al cineforum avente per tema “Il simbolismo del cinema muto polacco” che ve ne usciate con una citazione del “Ragazzo di campagna” con Renato Pozzetto, o di qualche immortale capolavoro dell’erotismo soffuso tipo “Quel gran pezzo dell’Ubalda”. O ancora, alla presentazione dell’ultimo libro sulle radici dell’ermetismo, prendiate la parola per tracciare una discutibile ragnatela che unisca Ungaretti e Montale con le recenti fatiche letterarie di Fabio Volo e Federico Moccia. O che, alla conferenza sul Bosone di Higgs, vi alziate e, nell’improvviso silenzio tombale fattosi tutt’attorno, chiediate con voce malferma al fisico islandese che ha appena concluso il suo intervento di sei ore e ventun minuti, qual è il suo segno zodiacale. Sono quelle situazioni in cui vi ritrovate seduti in cima a un monte di ossa paleolitiche, col consesso che vi fissa manco aveste appena percorso il red carpet della notte degli Oscar con sandali infradito inzaccherati di canina merda.
Questo per dire che anche il Vostro, mentre per anni vi consigliava dischi che sembravano troppo di nicchia anche al più maniacale degli indie o aspettava con ansia il giorno di riposo per spararsi la “trilogia sul silenzio di Dio” di Ingmar Bergman, o propinava a amiche pazienti film greci sottotitolati, si dilettava magari a celare ossa misteriose nel suo guardaroba. Ora, manco fossi la CIA o roba del genere, ho deciso di aprire questi archivi segreti; non aspettatevi rivelazioni shock troppo estreme, che so, “ecco la foto della mia collezione di CD di Gigi D’Alessio e dei neomelodici disposta in ordine alfabetico”, ma penso che qualche sorpresa ci sarà. Come ghiotto anticipo della rubrica, un paio di pezzi che non vi aspettereste di trovare su questo blog. More to come…

domenica 3 maggio 2015

Nevermind

Uno dei miei ultimi lavori, "Nevermind", è stato selezionato tra i finalisti al concorso Ritratti Contemporanei. Chi volesse visitare il sito e magari votare, può farlo qui

lunedì 19 gennaio 2015

Andrea La Rovere Works



Andrea La Rovere Works

Mi sono finalmente deciso, dietro insistenze varie e ripetute, a creare una pagina Facebook che ospita le mie opere di pittura. Per chi vorrà "iscriversi" la pagina verrà continuamente aggiornata. Grazie.

Finally my Facebook page is ready. Stay tuned for new works of art.

sabato 10 gennaio 2015

I migliori pezzi del 2014 - Playlist

Un po' in ritardo, ma accontentiamoci viste le condizioni in cui versa il blog, arriva il tradizionale "best" dei pezzi dell'anno che ci siamo appena lasciati alle spalle. Quest'anno, causa vicissitudini varie, ho perso parecchi ascolti, quindi la playlist non va presa come una classifica, ma semplicemente come i pezzi che ho più ascoltato durante l'anno, consapevole delle tante lacune. In appendice tre pezzi che non compaiono su Spotify, ma che non volevo lasciare fuori.