sabato 28 novembre 2009

Perle sconosciute : Adius-Piero Ciampi

Torniamo a parlare di Piero Ciampi,forse il più sottovalutato genio della canzone d'autore italiana.Per chi già conosce questo pezzo,beh,c'è poco da dire,godetevi i quattro minuti più liberatori della storia della musica leggera e dedicatela a chi volete.Per chi non l'avesse mai sentita,qualche precisazione;il pezzo parte come una fumosa ballata d'autore,un po' in stile francese,in tono piuttosto severo(ma con versi di assoluto valore;la tua assenza è un assedio è pura poesia),se non è il vostro genere non scoraggiatevi,dopo circa un minuto e mezzo il pezzo si trasforma prendendo una piega inaspettata.

Qualcuno ha pensato bene(leggi:Marco Masini)di sfruttare la scarsa notorietà di questo pezzo presso il grande pubblico,facendo propria la trovata che ne costituisce l'ossatura,con risultati modestissimi;del resto la mancanza d'ironia non è mai una bella cosa e l'unico utilizzo plausibile del brano di Masini sta nel rispedirlo al mittente.Del resto Ciampi è stato spesso abbandonato in vita e saccheggiato dopo la morte,pensiamo a quello che ha fatto Zucchero,ma di questo parleremo un'altra volta.

4 commenti:

  1. Per quanto l'America ci offra un vasto panorama musicale, il cantautorato italiano rimane una gemma unica, purtroppo o fortunatamente compresa solo da pochi.

    RispondiElimina
  2. Zucchero,che povertà. Sì, ricordalo, che tutti se lo sono dimenticato.



    Ma poi... Zucchero chi?


    ;-)

    RispondiElimina
  3. Speriamo che per i trent'anni dalla sua morte non lo saccheggino più del previsto.

    RispondiElimina
  4. Eh,speriamo...già l'anno scorso ne abbiamo sentite troppe di chiacchiere per i dieci anni di De Andrè.Purtroppo è pieno di mercanti del Tempio...

    RispondiElimina