venerdì 15 gennaio 2010

Jorge Luis Borges(attribuita) : Se io potessi vivere un'altra volta


Se io potessi vivere un'altra volta la mia vita
nella prossima cercherei di fare più errori
non cercherei di essere tanto perfetto,
mi negherei di più,
sarei meno serio di quanto sono stato,
difatti prenderei pochissime cose sul serio.
Sarei meno igienico,
correrei più rischi,
farei più viaggi,
guarderei più tramonti,
salirei più montagne,
nuoterei più fiumi,
andrei in posti dove mai sono andato,
mangerei più gelati e meno fave,
avrei più problemi reali e meno immaginari.
Io sono stato una di quelle persone che ha vissuto sensatamente
e precisamente ogni minuto della sua vita;
certo che ho avuto momenti di gioia
ma se potessi tornare indietro cercherei di avere soltanto buoni momenti.
Nel caso non lo sappiate, di quello è fatta la vita,
solo di momenti, non ti perdere l'oggi.
Io ero uno di quelli che mai andava in nessun posto senza un termometro,
una borsa d'acqua calda, un ombrello e un paracadute;
se potessi vivere di nuovo comincerei ad andare scalzo all'inizio della primavera
e continuerei così fino alla fine dell'autunno.
Farei più giri nella carrozzella,
guarderei più albe e giocherei di più con i bambini,
se avessi un'altra volta la vita davanti.
Ma guardate, ho 85 anni e so che sto morendo.

7 commenti:

  1. La conoscevo...spietata, amara, vera...e anche inutile. Per lui e per chi la legge. La vita la si comprende sempre quando è troppo tardi. O no?

    RispondiElimina
  2. Una volta ho sentito dire che l'esperienza è come vedere dall'alto due macchine che inconsapevolmente stanno per scontrarsi...tu lo sai,ma non puoi fare niente per evitarlo.
    P.S. Quando un opera d'arte è spietata,amara e vera,ma anche bellissima,non si può dire inutile.E' solo lo specchio della vita.

    RispondiElimina
  3. Sai tante volte parlo per me...dimentico il resto, ma non significa che io non lo consideri. Avrei dovuto spiegarmi meglio.

    P.S.
    Si è bellissima

    RispondiElimina
  4. Questa poesia non è di Borges, è un falso che circola da parecchio tempo in rete.
    Non rappresenta neanche il suo pensiero: se Borges avesse potuto vivere un'altra vita l'avrebbe vissuta allo stesso modo.

    RispondiElimina
  5. Sull'attribuzione a Borges hai ragione,c'è chi dice sia una traduzione da Nadin Stairs,chi cita altri autori ancora;io ho citato Borges come autore perchè è l'attribuzione più diffusa,comunque ora aggiungo una bella parentesi nel titolo così siamo tutti più contenti.La seconda affermazione mi sembra più avventurosa;il pensiero di Borges era talmente complesso,criptico e multiforme che mi sembra un tantino(eufemismo)presuntuoso pretendere di sapere come avrebbe vissuto un'altra vita...

    RispondiElimina
  6. MA DEL RESTO CHE NE SAPPIAMO,PUO DARSI CHE LUI LO ABBIA CONOSCIUTO DI PERSONA!

    RispondiElimina