martedì 6 aprile 2010

Avvistamenti : Cesare Basile-Storia di Caino


Bè,in realtà non è che questo disco sia proprio nuovo essendo uscito da più di un anno,però vi invito lo stesso a procurarvelo;metterete così le mani sull'episodio più intimista della discografia di questo non notissimo cantautore siciliano,certamente uno dei migliori attualmente in Italia.Musicalmente l'album si muove tra un paludoso e oscuro blues dagli arrangiamenti scarnificati fino all'osso,ad atmosfere che rimandano al De Andrè di Amico fragile o Giugno '73,sempre con attenzione ai testi. Vi propongo due pezzi,A tutte ho chiesto meraviglia,tra gli episodi più bluesy del disco,e Per nome,dove il fantasma di De Andrè è più presente.

Nessun commento:

Posta un commento