mercoledì 16 dicembre 2009

Perle sconosciute : A rush of blood to the head-Coldplay(2002)


A rush of blood to the head è,secondo me,il miglior album dei Coldplay.Forse non avrà la magia dell'esordio di Parachutes,ma è sicuramente il più completo e quello con il maggior numero di pezzi di alto livello.Tanto che questo brano,che dà il titolo all'album,è sempre rimasto un po' all'ombra dei vari singoli tratti dal disco,dalla splendida ballata The scientist alle intuizioni di Clocks.In realtà questo pezzo non ha nulla da invidiare ai sopraccitati,si tratta di una ballata delle più classiche,che parte solo con la chitarra acustica ad accompagnare il canto limpido di Chris Martin,per poi crescere gradualmente.

3 commenti:

  1. questo cd l'ho letteralmente divorato...amato sin dal primo istante. i coldplay sanno sempre come farsi apprezzare. a me piace molto the scientist, triste ma bella.

    RispondiElimina
  2. Anche secondo me The Scientist è il loro miglior pezzo in assoluto,anche il video non è male.Peccato che mi sembra facciano un po' fatica a ripetersi su quei livelli,mi paiono un po' sovraprodotti,preferirei tornassero alla semplicità degli esordi.Ciao!

    RispondiElimina