martedì 15 dicembre 2009

Difendo Moccia


E lo difendo a spada tratta!Veramente non capisco tutto questo accanirsi contro cotanto scrittore,contro quest'omaccione grande e grosso che si (e ci) diletta nello scrivere "romanzi" con uno stile infarcito di sentimenti adolescenziali,di gergo giovanile,di sms,mms,T.V.B.,faccine e quant'altro,di violenza gratuita e bullismo di grana grossa che nemmeno un dodicenne farebbe meglio.E sì che l'Italia è la patria della letteratura;noi che abbiamo dato i natali al Leopardi,alFoscolo,al Manzoni,al Sommo Dante,per arrivare ai Calvino,Moravia,Ungaretti, Quasimodo,fino agli odierni Baricco e Eco,beh,proprio noi ci accaniamo con quello che è forse il più completo tra i grandi romanzieri!Un uomo che può vantare trascorsi di primordine,pochi sanno infatti che il Moccia,prima di cimentarsi nella scrittura dei suoi favolosi romanzi,si è formato collaborando a vere opere d'arte televisive quali I ragazzi della III C e College,nonchè alla stesura di programmi che hanno rappresentato la crema della cultura del nostro paese,cito ad esempi non certo esaustivi perle come I Cervelloni,Fantastica Italiana e un progetto di grandissimo spessore e finezza(soprattutto quando i concorrenti venivano costretti a ingerire chili di cavallette e formiche)come Ciao Darwin.A tutto questo si aggiunga il talento nel creare personaggi immortali,degni di Omero,quali Step,Babi e mille altri.E le analogie col grande greco non si fermano qui;per quanti lettori,infatti,l'approccio ai romanzi del Moccia,non si trasforma in una vera e propria Odissea?E che dire dei palesi echi kafkiani delle sue opere?Se nel Processo di Kafka,ad esempio,il protagonista Josef K si chiedeva cosa aveva fatto per meritarsi di finire , appunto,sotto processo,il Moccia si proietta ancora più in là,in una sorta di avanguardia letteraria.Nel suo Scusa ma ti chiamo amore ,infatti,è il lettore stesso ad essere proiettato in prima persona in una situazione analoga a quella di Josef K;l'imprudente fruitore è infatti inevitabilmente portato,già dopo poche pagine,a chiedersi cosa abbia fatto di male per meritarsi una simile,sciagurata,lettura.E le similitudini con altri grandi del passato sarebbero altre,ma non ci sarebbe poi spazio per ricordare anche il Moccia cineasta.Infatti il Nostro,novello Kubrick,si è distinto anche dietro alla macchina da presa(presa per il c..o?),quando ha voluto personalmente dare vita sullo schermo ad alcune delle sue fetecchie...pardòn,opere immortali.Per finire,in attesa che i curatori di grandi premi come il Pullitzer,il Nobel e l'Oscar,si accorgano dei suoi sforzi, vorrei pubblicare,ad ulteriore onta degli scettici,questa lista di motivi per cui vale la pena acquistare subito l'intera bibliografia del Moccia.Chi avesse altri suggerimenti,può contribuire nei commenti.




  1. Si avvicina il Natale e si sà,tutti saremo costretti a fare gli auguri a persone che non vorremmo neanche vedere.Regalate un libro di Moccia,ve li toglierete di torno per il resto dei vostri giorni.


  2. Rinverdite la tradizione psichedelica degli Acid test.Se nei '60 per andare fuori di testa occorrevano massicce dosi di LSD,oggi provate con poche pagine di Ho voglia di te,il rincoglionimento è assicurato.(Per un'esperienza anche visiva,provate ad abbinare alla lettura piccole dosi di Uomini e donne.)


  3. Tante volte si dice che in una sera gelida d'inverno non c'è niente di meglio che un bel libro da leggere davanti al camino.Proiettatevi oltre,procuratevi l'intera opera del Moccia,e, anzichè davanti,collocatela dentro al camino.Il crepitare delle pagine arse vi scalderà il cuore più del fuoco stesso.


  4. L'utilizzo più tradizionale.Tutti a casa abbiamo una sedia,un tavolino,un mobiletto che non spiana,ma,parliamoci chiaro,con quello che costano i restauratori è preferibile infilare sotto la zampa zoppicante un bel libro del Moccia.Ve ne sono di tutte le misure,se poi la zoppìa è proprio infinitesimale,provate con un cd di Gigi D'Alessio,il cui ridotto spessore è pari a quello artistico dello stesso.

6 commenti:

  1. Stavo quasi per chiudere il collegamento, stanca di leggere mono-temi...
    Menomale che mi hai fatto ridere (subito pensavo dicessi sul serio), adesso posso andare!

    RispondiElimina
  2. Non farlo mai più! Sei pazzo? Mi sono spaventata! Ho pensato a uno scherzo, ma quando ho letto lo difendo a spada tratta vermente ho creduto che ti piacesse!!!
    Splendido post ad ogni modo.
    C'è un altro uso che si potrebbe fare delle pagine del Moccia...ma sai...non è bene che venga svelata da una signorina quale dovrei essere :D

    RispondiElimina
  3. Ahahahah...mi piacciono le persone ironiche con garbo.
    Sono qui, passando dal blog di Alessandraingrid.


    P.S.
    Devo confessarti e forse questo mi farà perdere la faccia, ma pazienza...che non sopporto neanche Paulo Coelho e i suoi biscotti della fortuna.

    RispondiElimina
  4. Già, Coelho, anche da Wikipedia definito “uno dei maggiori esponenti della massoneria moderna”...

    RispondiElimina
  5. @ Nicole e Angustifolia : Intanto benvenuta Nicole.Quanto a Coelho la faccia l'avresti persa,almeno con me,più se ti fosse piaciuto. Anch'io lo digerisco poco!

    @ Veronica : Tu quoque,Veronica!! Proprio tu,la mia adepta più fedele,seppur per un attimo,mi ha creduto capace di tali nefandezze!Ciao

    RispondiElimina
  6. Se Moccia produce libri alla velocità con cui prolifica una coniglia in calore significa che molti li leggono.
    Per la legge della domanda e dell'offerta il mondo è pieno della merda che piace tanto alla maggioranza.
    Evviva la democrazia...

    RispondiElimina