lunedì 16 agosto 2010

Avvistamenti : Innerspeaker-Tame Impala


I Tame Impala sono un gruppo di tre ragazzotti australiani di giovanissima età,più o meno la stessa che hanno i nostri quando sgomitano per entrare ad Amici o X-Factor per capirci;loro invece hanno scelto di suonare rock psichedelico ispirandosi praticamente a tutto quello che fu dato alle stampe tra Sgt. Pepper e il Kraut rock.Tuttavia sarebbe riduttivo parlare solo di revival,infatti i ragazzi ci sanno fare e sono capaci di rimasticare e rielaborare tali nobili origini dando vita ad un prodotto che vive di una sua propria dignità.Piuttosto noti in patria dove già hanno al loro attivo un EP e parecchie apparizioni come gruppo spalla di colleghi più illustri,arrivano con Innerspeaker,disco che in Australia ha fatto furore anche commercialmente.L'album a mio giudizio è davvero buono,Solitude is bliss è il singolo di lancio che forse strizza un po' troppo l'occhio al mercato,ma gli altri brani sono belle cavalcate di rock lisergico come usava ai bei tempi,molto compatte se non troppo,visto che a tratti l'impressione è quella di ascoltare un'unica,lunga jam-session.Il cantante ricorda molto Lennon e si caratterizza per uno stile indolente molto appropriato.Quello che forse manca è proprio il colpo del KO,anche se col mio pezzo preferito,The bold arrow of time,ci vanno vicini;bel riff stile Ten Years After e andamento tra il bluesy e la psichedelia per un brano davvero riuscito.Gli altri brani sono Alter ego,di chiara matrice beatlesiana e Half full glass of wine,pezzo dal suono più ruvido e grezzo,cosa che non mi dispiace affatto,che non si trova sull'album ma arriva dal loro primo EP.

4 commenti:

  1. D'accordo, i punti di riferimento di questi ragazzi sono chiarissimi, ma il disco è molto buono :)

    RispondiElimina
  2. Che poi io non c'ho niente contro chi suona come fosse ancora nel '67,se poi sono così bravi...Ben venga chi batte nuove strade,ma avere l'originalità come unica discriminante nel valutare un disco,per me equivale a mettersi un bel paio di paraocchi...

    RispondiElimina
  3. Eeeeh, questione spinosa ma interessantissima. L'optimum sarebbe calibrare oculatamente tutta una serie di parametri, tutt'altro che facile ma ci si prova ;):)

    RispondiElimina
  4. Spinosissima direi,e forse troppo complicata per essere trattata qui...poi io ho idee un po' particolari a riguardo,magari prima o poi ci faccio un post!

    RispondiElimina