martedì 26 luglio 2016

Recensione: Eli "Paperboy" Reed - My Way Home

Oggi parliamo di un genere poco frequentato su queste pagine, ma che in questi ultimi anni è forse quello che ha dato maggiori soddisfazioni, se parliamo di un compromesso tra qualità e pretese mainstream, ovvero il rhythm and blues venato di soul. E quando parliamo di rhythm and blues attenzione, non parliamo del moderno r'n'b che raccoglie un po' di tutto, dall'hip hop agli sculettamenti di sedicenti divette settimanali, ma di quella nicchia che si rifà a nomi irraggiungibili quali James Brown, Ray Charles, Aretha Franklin e i pezzi grossi della Stax e che, negli ultimi anni, ha visto la sua punta di diamante impazzito nell'indimenticata Amy Winehouse. Un genere ben esemplificato dal repertorio dei leggendari Blues Brothers; e allora andiamo a fare la conoscenza con Eli "Paperboy" Reed, ultimo musicista in missione per conto di Dio.
Il buon Eli esce in questo periodo col suo nuovo lavoro, intitolato programmaticamente My Way Home, sorta di ritorno a casa dopo un certo sbandamento commerciale dovuto al passaggio prima alla Capitol e poi alla Warner Bros, major che prima l'hanno snaturato tentando di aprirgli le vie dorate ma perigliose del mainstream, per poi abbandonarlo dopo risultati non proprio brillantissimi. E il buon Eli ha ripreso la via dell'indipendenza e di casa, riallacciando i fili pendenti dai tempi di Roll With You del 2008, seguito del fulminante esordio del 2005 Walkin' And Talkin', album di cover di cui vi consiglio caldamente il recupero. 
Ma parliamo di My Way Home, lavoro che rende omaggio ai grandi maestri, Eli urla, si dimena e agita novello James Brown, sempre ai limiti del parossismo e della puntata sopra le righe, travisandone però la tradizione fatta di arrangiamenti costruiti attorno a robuste sezioni di fiati. Già, perchè My Way Home ha la sua originalità proprio nell'assetto strumentale proposto da Reed, privo della sezione fiati e puntellato su una sezione ritmica che traina un organo tra gospel e garage soul, la chitarra misurata e piena di feeling più che di tecnica del leader, oltre alla sua voce fin troppo urlata e graffiante, ben sorretta da cori, questi sì, assai tradizionali.
Si parte subito con l'acceleratore pestato a fondo con Hold Out, pezzo urlato che mette subito in chiaro lo stato di forma di Eli, per proseguire col gospel assai ispirato di Your Sins Will Find You Out. E il gospel tornerà più volte nel corso dell'album, così come ricorrenti sono le tematiche religiose, inusuali ma nemmeno tanto per un giovanotto del profondo sud come Reed. Ma c'è spazio anche per ballate potenti, come Movin', e ibridi tra il blues paludoso del delta e il gospel più sentito, vedi Eyes On You; ma in generale tutto il lavoro si mantiene su livelli molto più che dignitosi e, per chi scrive, il ritorno a casa di Eli Reed va salutato con il più sonoro degli applausi. 

Voto: 7

Nessun commento:

Posta un commento