domenica 23 dicembre 2012

Avvistamenti(tardivi): Jil Is Lucky-S/T (2009)

Scoperto grazie a una recente campagna pubblicitaria, l'album di debutto di questa band francese semisconosciuta, dedita ad un indie rock speziato da mille influenze, dal folk(The Wanderer), al pop più scanzonato(J.E.S.U.S. Said e When I Am Alone), passando per pezzi dalle sottili influenze balcaniche e guidati da un violino quasi tzigano(Judan Loew's Mistake e la stessa The Wanderer), echi velvetiani(la bella I May Be Late ricorda da vicino la mitica Pale Blue Eyes), fino ad arrivare ad un pezzo dilatato di rock psichedelico, con tanto di chitarra acida come la conclusiva Hovering Machine. Il tutto condito da melodie sixties che pescano a piene mani dal repertorio di Beatles, Simon & Garfunkel e altri nomi nobili del periodo. Un lavoro da riscoprire, in attesa di novità.

2 commenti:

  1. Invito - italiano
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
  2. Obrigado e bem-vindos!
    Feliz Natal, José Maria.

    RispondiElimina