sabato 17 luglio 2010

Avvistamenti : Mount Carmel


Ma tu guarda,uno è lì che si sbatte tanto per stare al passo con questi tempi oscuri,che tenta (senza successo...) di farsi piacere le ultime tendenze musicali per stare nei giri giusti,che legge dibattiti sul fatto che Lady Gaga sia o no un'artista (vi giuro,era su XL...) , ed ecco che arrivano questi tre ragazzotti dall'Ohio e tentano di riportare tutto indietro di quarant'anni.E se è vero che un certo rock psichedelico,acido e venato di blues,è ancora abbastanza in auge grazie a gruppi che mischiano questi ingredienti con altri più moderni,come gli Sleepy Sun o i più commerciali Black Mountain,era parecchio tempo che non sentivo una band così ortodossa come i Mount Carmel.I riferimenti sono tutti a cavallo tra sessanta e settanta,dai Cream ai Ten Years After (è presente una cover di uno dei pezzi più belli di Alvin Lee e soci,Hear me callin'),anche se a me il paragone più calzante sembra quello con gli ZZ Top dei primi album,prima che Hot Road,belle donne,cactus e serpenti a sonagli non prendessero il sopravvento.Un grazie al blog dove li ho scoperti, Stone Free.

Nessun commento:

Posta un commento