Avvistamenti: Gold Motel-S/T

Secondo lavoro per la band di Greta Morgan, vocalist di Chicago ma cresciuta, e si sente, sulla West Coast. Infatti le atmosfere di cui è permeato il disco, che, va detto, promette di essere una delle migliori uscite dell'estate, sono proprio all'insegna del sound rilassato e vintage della West Coast anni '60, oltre che di certo power-pop anni '70 e di svariate e ben assortite influenze soul e new wave. Accomunati a volte a gruppi quali Best Coast e Tennis, a cui, secondo me, i Gold Motel sono ben superiori, i nostri azzeccano un disco di canzoni di prim'ordine che scorre come acqua fresca(e di questi tempi ciò non è male...), e che riascolterete più e più volte, guidato da arrangiamenti misurati dove è quasi sempre la chitarra a menare le danze, assecondando la bella voce calda della Morgan.
Ottimo l'attacco con le melodie senza tempo di Brand new kind of blue e These sore eyes, ma tutti i pezzi si fanno ascoltare con grande piacere. Plenty of room at the Gold Motel(California).

Commenti

  1. Non li conosco, ma mi hai incuriosito. Magari ascolto qualcosa!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari